Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 53
Questa discussione si intitola Valanghe.... nella sezione Freeride e amanti della powder, appartenente alla categoria Snowboarding world; ne avete mai visto una dal vivo???? questa durante un fuoripista....... sapete come si formano??? qui qualche risposta.... http://www.aineva.it/download/Le%20Valanghe%202009.pdf
  1. #1
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito Valanghe....

    AIUTACI A MANTENERE IL FORUM:

    Abbiamo creato un MoneyBox di PayPal

    per chi vuole contribuire a mantenere il server del sito :)

    Apri il MoneyBox di SnowboarDipenedente 

     
    Valanghe....-18022010039.jpgValanghe....-18022010040.jpgValanghe....-18022010041.jpgValanghe....-18022010042.jpgValanghe....-18022010043.jpgValanghe....-18022010044.jpg

    ne avete mai visto una dal vivo????
    questa durante un fuoripista.......


    sapete come si formano???
    qui qualche risposta....

    http://www.aineva.it/download/Le%20Valanghe%202009.pdf
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  2. #2
    Active Member Reputazione:21 L'avatar di Giae
    Registrato dal
    Mar 2011
    residenza
    Monza
    Messaggi
    78

    Predefinito

    Un mio amico maestro ci è finito sotto e si è salvato per miracolo... è rimasto quasi un anno in ospedale ma fortunatamente è tornato come prima
    You don't have to be cool to ride, you don't have to ride to be cool... You just have to RIDE!

  3. #3
    Mik
    Mik non è in linea
    Spammona Reputazione:3372 L'avatar di Mik
    Registrato dal
    Feb 2011
    Sesso
    residenza
    Roma
    Messaggi
    19,929

    Predefinito

    mai viste dal vivo... solo in tv...
    penso che sarebbe devvero impressionante trovarti lì vicino o ancora peggio lì in mezzo!

    belle le foto James!! ma eri proprio lì accanto?


    P.S. Usa anche te la "stelletta" qui sotto per dare punti reputazione a chi se li merita!

  4. #4
    Pelle grinza Reputazione:2079 L'avatar di andrew
    Registrato dal
    Feb 2010
    Sesso
    residenza
    Varese
    Messaggi
    13,780

    Predefinito

    di grosse valanghe non ne ho mai viste, fortunatamente... ma qualche distacco ogni tanto lo si nota.
    ottima segnalazione james! aineva fa sempre delle belle relazioni! in che zona eri?
    "L'estremo è la ricerca dell'infinito, la meta più lontana che un uomo può proporsi di raggiungere"
    "Dov'è il vento quando non soffia?"
    Oggi sento!

  5. #5
    L'orso abbracciatutti Reputazione:1973 L'avatar di matisse73
    Registrato dal
    Mar 2010
    Sesso
    residenza
    Imperia
    Messaggi
    7,382

    Predefinito

    Limone Piemonte...mi sa

  6. #6
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da matisse73 Visualizza il messaggio
    Limone Piemonte...mi sa
    piu precisamente......VALLETTA!!!! matisse sa dove si trova...

    ho avuto il tempo di tirar fuori il telefonino e fare le foto!!!
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  7. #7
    L'orso abbracciatutti Reputazione:1973 L'avatar di matisse73
    Registrato dal
    Mar 2010
    Sesso
    residenza
    Imperia
    Messaggi
    7,382

    Predefinito

    ho visto i santi e le madonne quel giorno!!!! ma non vedo l'ora che sia di nuovo inverno....oramai ci ho preso gusto!!!!!!!!!!!
    Bellaaaaaaa James!!!!!

  8. #8
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    siamo un po' matti!!!
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  9. #9
    L'orso abbracciatutti Reputazione:1973 L'avatar di matisse73
    Registrato dal
    Mar 2010
    Sesso
    residenza
    Imperia
    Messaggi
    7,382

    Predefinito

    p.s: James,se non ricordo male ero venuto in treno perche' avevo fatto la notte e non me la sentivo di guidare pero' con tutta l'adrenalina che avevo in corpo non sentivo nemmeno la stanchezza...bellissima giornataaaaaaaaaaaaa

  10. #10
    Mik
    Mik non è in linea
    Spammona Reputazione:3372 L'avatar di Mik
    Registrato dal
    Feb 2011
    Sesso
    residenza
    Roma
    Messaggi
    19,929

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da matisse73 Visualizza il messaggio
    p.s: James,se non ricordo male ero venuto in treno perche' avevo fatto la notte e non me la sentivo di guidare pero' con tutta l'adrenalina che avevo in corpo non sentivo nemmeno la stanchezza...bellissima giornataaaaaaaaaaaaa
    ... un pazzo scatenato!!


    P.S. Usa anche te la "stelletta" qui sotto per dare punti reputazione a chi se li merita!

  11. #11
    PRO Member Reputazione:507 L'avatar di fagy85
    Registrato dal
    Nov 2011
    Sesso
    residenza
    Vicenza
    Messaggi
    1,461

    Predefinito Come interpretare i segnali che ci da la montagna?

    Leggendo una domanda di matisse mi è venuto lo spunto per questa discussione..
    Io sono totalmente ignorante in materia, ma come posso riconsocere i segnali che mi da la montagna? Evitare zone palesemente a rischio di valanga, o crepacci nascosti?

    Ecco io non sono un abituèe del BC, quindi frequentando per lo più piste non sono abituata a considerare rischi valanghe...

    Mi è sempre andata benone, ma a leggere il post di Alce anche oggi....la regina mi rendo conto che a volte ho corso dei rischi che avrei potuto benissimo risparmiarmi vista la mia totale mancanza si preparazione...e di buon senso .Come il fatto di essermi lanciata in fuoripista in ghiacciaio un paio di volte...

    Quindi... la prossima volta che mi viene voglia di fare una cosa simile cosa devo controllare per non andare proprio a cercarmele?

  12. #12
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    i segnali sono molti i principali la pendenza eventuale rialzo termico il tipo di neve....
    la principale risorsa è la meteorologia... devi sapere quanto e come a nevicato le temperature non è una cosa semplice....


    il fuoripista in ghiacciaio è MOLTO sconsigliato ci potrebbe essere un crepaccio ricordate che il ghiacciaio è SEMPRE in movimento quindi l'unico posto sicuro sono le piste...
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  13. #13
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    dimenticavo anche sul posto si possono fare delle rilevazioni... qui sotto un video .... p.s. godetevelo sto videozzo!!!!!!!!!!!
    Ultima modifica di james pritt; 09-12-11 a 15:39
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  14. #14
    PRO Member Reputazione:507 L'avatar di fagy85
    Registrato dal
    Nov 2011
    Sesso
    residenza
    Vicenza
    Messaggi
    1,461

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da james pritt Visualizza il messaggio

    il fuoripista in ghiacciaio è MOLTO sconsigliato ci potrebbe essere un crepaccio ricordate che il ghiacciaio è SEMPRE in movimento quindi l'unico posto sicuro sono le piste...
    Eh si..m'è venuto in mente dopo..cmq per fortuna mi è andata bene... fiut fiut... ma scusa esiste un modo per individuarli?

    Cmq riguardo alle valanghe nella discussione di Alce di parlava di croste, vento forte ... se io me ne sto nella mia pista bella e tranquilla, e poi mi salta il matto e per tagliare faccio un fuoripista... senza farmi un analisi metereologica accurata (che solo per capire come farla mi passa tutta la stagione qua) ci sono dei trucchi per capire quanto rischio? io nel mio essere somara al massimo mi dico "è primavera, fa più caldo corro più rischi"... cmq mi studierò meglio l'argomento

  15. #15
    PRO Member Reputazione:507 L'avatar di fagy85
    Registrato dal
    Nov 2011
    Sesso
    residenza
    Vicenza
    Messaggi
    1,461

    Predefinito

    Grazie james del video!!! Adesso me lo guardo !

  16. #16
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fagy85 Visualizza il messaggio
    Eh si..m'è venuto in mente dopo..cmq per fortuna mi è andata bene... fiut fiut... ma scusa esiste un modo per individuarli?
    no in una notte possono formarsi ci sono persone esperte che conoscono il ghiacciaio perche in pratica ci vivono.....


    e come dice Mik: P.S. Usa anche te la "stelletta" qui sotto per dare punti reputazione a chi se li merita!
    Ultima modifica di Mik; 09-12-11 a 16:05
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  17. #17
    PRO Member Reputazione:507 L'avatar di fagy85
    Registrato dal
    Nov 2011
    Sesso
    residenza
    Vicenza
    Messaggi
    1,461

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da james pritt Visualizza il messaggio

    e come dice Mik .S. Usa anche te la "stelletta" qui sotto per dare punti reputazione a chi se li merita!
    Te l'avevo già messa prima di leggere

    Prova a vedere.. che non abbia fatto casino !

  18. #18
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fagy85 Visualizza il messaggio
    Te l'avevo già messa prima di leggere

    Prova a vedere.. che non abbia fatto casino !
    ok....
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

  19. #19
    PRO Member Reputazione:507 L'avatar di fagy85
    Registrato dal
    Nov 2011
    Sesso
    residenza
    Vicenza
    Messaggi
    1,461

    Predefinito

    Vi riporto quello che ho appena letto qui sul web (fonte RiSCHI - Valanga)
    Le diverse nevicate che si producono nel corso dell'inverno danno origine al manto nevoso. Al depositarsi sul suolo, la neve va formando uno
    strato a ogni nevicata. Man mano che passa il tempo e variano le condizioni meteorologiche, i cristalli di neve di ogni nevicata si trasformano (in forma,
    misure e unione tra i cristalli). Perciò il manto è una composizione di strati di neve, ognuno con caratteristiche proprie.

    TIPOLOGiA di Valanghe

    • Valanghe di neve recente:
      Si produce durante o poco dopo intense nevicate. Lo scatenamento di una valanga di neve recente si produce a causa di una perdita di coesione dello strato superficiale per sovraccarico o per aumento della temperatura durante o poco dopo la nevicata. Si tratta di valanghe molto temute per le alte velocità di dislocamento che raggiungono (fino a 300 Km/h). Ciò conferisce loro un grande potere distruttore.

    • Valanghe a lastroni:
      Si producono per l'esistenza di discontinuità all'interno del manto nevoso. Il risultato è lo scivolamento degli strati superiori, che apparentemente possono sembrare stabili, sopra uno strato di bassa coesione o una superficie di ricongelamento. Un caso particolare è quello costituito dai lastroni da vento, strati duri e fragili formati dall'accumulo della neve trasportata dal vento nelle zone situate generalmente sottovento. La fragilità dei lastroni e la disunione con gli strati inferiori fanno sì che agiscano come trappole per gli escursionisti e per gli sciatori, che al loro passaggio su essi, agiscono come causa scatenante della valanga.

    • Valanghe di fusione:
      Sono dovute alla fusione del manto nevoso, quando la temperatura dell'aria aumenta notevolmente oltre gli 0ºC o in caso di pioggia. Sono le tipiche valanghe di primavera, forse le più note, ma a volte si possono produrre in pieno inverno in periodi di calore. La neve è umida e pesante. La velocità di scivolamento è lenta, ma non per questo non sono pericolose. A volte può scivolare tutto il blocco del manto fino al suolo, trascinando fango, rocce, alberi, cespugli, ecc. Queste sono le valanghe di fondo.


    Le valanghe a lastroni sono quelle che provocano più incidenti: il 70 % degli incidenti sono dovuti a lastroni da vento (dati dei periodi compresi dall'86-87 al 96-97).


    CAUSE
    • Assenza o diminuzione della coesione della neve
    • Esistenza di superfici di scivolamento tra gli strati
    • Sovraccarico esterno (per esempio, il passaggio di una persona)


      MISURAZIONE E VALUTAZIONE

      Esiste una rete di osservatori nivo-meteorologici costituita da guardie forestali, guardie di riserve di caccia, guardie di rifugi, nevologi e
      stazioni sciistiche. Questa rete è complementata da un insieme di stazioni nivo-meteorologiche automatiche che permettono di conoscere diverse condizioni, fondamentali per ottenere una corretta predizione. I dati che vengono raccolti sono la velocità del vento, la temperatura e l'umidità dell'aria, la radiazione solare incidente, lo spessore totale della neve e la temperatura dell'interno del manto nevoso a diverse altezze. A parte ciò, è fondamentale la raccolta di dati corrispondente alla stratigrafia e alla resistenza del manto nevoso.

      Spessore della neve:
      Lo spessore totale della neve è lo spessore di neve sul suolo. La neve recente delle ultime 24 h e 72 h corrisponde alle nevicate cadute nelle
      ultime 24 h e 72 h rispettivamente; indica, in generale, lo spessore di neve minimo involucrabile in una valanga.



      MISURE PREVENTIVE

      SOGLIE DI ALLERTA


      Scala di pericolo di valanghe:



      Indici di pericolo
      Stabilità
      del manto nevoso
      Probabilità
      di scatenamento
      Indicazioni per lo sci fuori pista e
      raccomandazioni
      1
      Debole
      Nella maggior parte dei versanti il manto nevoso è ben
      stabilizzato.
      Eccezionalmente, possono scatenarsi valanghe solo in alcune
      pendenze molto propizie (*) e, soprattutto, a causa di forti sovraccarichi.

      In modo naturale possono scatenarsi solo colate o piccole valanghe.
      Le escursioni e la discesa con gli sci sono possibili quasi
      senza restrizioni.
      2
      Limitato
      In alcune pendenze (**) sufficientemente propizie alle valanghe,
      il manto è solo moderatamente stabilizzato.
      Nel resto è ben stabilizzato.
      Si possono scatenare valanghe soprattutto per forti
      sovraccarichi e in alcune pendenze le cui caratteristiche sono normalmente
      descritte nel bollettino.
      Non si prevedono inizi spontanei di valanghe di
      grande ampiezza.
      Le escursioni vanno realizzate con previa pianificazione.
      Si
      raccomanda prudenza al momento di scegliere gli itinerari, evitando, per quanto
      possibile, i versanti inclinati con gli orientamenti e le altitudini indicati.
      3
      Notevole
      In numerose pendenze (**) sufficientemente propizie, il manto è
      solo moderatamente o debolmente stabile.
      Si possono scatenare valanghe addirittura per deboli
      sovraccarichi e in numerose pendenze le cui caratteristiche sono descritte
      normalmente nel bollettino.
      In determinate situazioni sono possibili alcuni
      inizi spontanei di valanghe di dimensioni medie e a volte grandi.
      Vanno evitati i versanti inclinati con gli orientamenti e le
      altitudini indicati.
      Si richiede molta esperienza e una grande capacità di
      apprezzamento del pericolo di valanghe.
      4
      Forte
      Nella maggior parte delle pendenze (**) sufficientemente
      propizie alle valanghe, il manto nevoso è debolmente stabilizzato.
      Si possono scatenare valanghe addirittura per sovraccarichi
      deboli nella maggio parte delle pendenze sufficientemente propizie alle stesse.

      In determinate situazioni, sono possibili numerosi inizi spontanei di
      valanghe di dimensioni medie e a volte grandi.
      Le escursioni vanno limitate alle zone con pendenza moderata.

      È possibile che la parte bassa delle pendenze sia altrettanto esposta al
      pericolo di valanghe.
      5
      Molto forte
      Instabilità generalizzata del manto nevoso.
      Si attendono valanghe numerose e grandi originate spontaneamente
      includendo zone con pendenze poco propizie.
      Occorre rinunciare alle escursioni.
    (*) Le pendenze propizie alle valanghe sono
    quelle che riuniscono determinate condizioni di inclinazione, configurazione del
    terreno, prossimità della cresta ...
    (**) Le caratteristiche di queste
    pendenze, generalmente, sono specificate nel bollettino: altitudine,
    esposizione, topografia ...
    (***) Sovraccarico forte: per esempio, gruppi di
    sciatori...

    Sovraccarico debole: per esempio, sciatore o
    alpinista isolato. L'espressione scatenamento di valanghe si riferisce alle
    valanghe provocate da un sovraccarico, principalmente da uno o vari sciatori.
    L'espressione inizio spontaneo si riferisce alle valanghe originate senza azione
    esterna.

    MISURE DI PROTEZIONE IN CASO DI VALANGHE (Estratto dalle raccomandazioni dell'Institut Cartogràfic de Catalunya)
    • Difese permanenti: Consistono nell'installazione di palizzate o strutture, che possono frenare o ridurre un valanga e provocare accumuli di neve diversi da quelli originali, con lo scopo di evitare che si produca la valanga.
    • Difese dinamiche: Consistono nel lancio di esplosivi con un cannone o nella loro collocazione manuale in zone strategiche per provocare valanghe e
      ridurre gli spessori di neve.

    RACCOMANDAZIONI PER LA POPOLAZIONE (Estratto dalle raccomandazioni dell'Institut Cartogràfic de Catalunya, della Protección Civil España; Ministère de l'Aménagement du Territoire et de l'Environnement. Direction de la prévention des pollutions et des risques, Francia; Protezione Civile ed Emergenze, Regione Liguria)



    Prima di realizzare l'uscita occorre:

    * Consultare la predizione meteorologica e il bollettino di pericolo di valanghe. Non iniziare l'escursione se l'indice di pericolo è
    superiore a 3 nella scala europea.
    * Adattare il percorso alla situazione di pericolo prevista.
    * Consultare le guide di itinerari esistenti e consultare persone che conoscono la zona (guardie di rifugi,…)
    * L'escursione deve adattarsi alle dimensioni e caratteristiche del gruppo e al materiale di cui si dispone.
    * Occorre informarsi del luogo e del percorso a chi si prevede che realizzi l'itinerario e andare accompagnati.
    * Alla partenza attivare gli ARVA ( Apparecchi di ricerca di vittime in valanghe ) anche se sembra che non vi sia pericolo. Verificare, prima di partire, che gli ARVA funzionino. Occorrerà portare con sé pala e sonda.
    * Prevedere il materiale necessario e tenerlo in un corretto stato di manutenzione. Portare con sé materiale di sicurezza.
    * Realizzare una buona pianificazione dell'escursione: prevedere l'itinerario, gli orari, il materiale necessario, l'alimentazione e considerare
    tutti i possibili contrattempi.
    * Si raccomanda di portare con sé un materiale ed
    equipaggiamento minimi per la montagna.

    Una volta in campo occorre osservare:

    • Lo stato della neve: in caso di nevicate recenti occorre sapere che con 30-40 cm di neve recente il pericolo di valanghe si localizza nelle pendenze
      più inclinate, e che con 50-60 cm il pericolo è generalizzato e si consiglia di non effettuare escursioni. A ogni modo, fattori come il vento, la temperatura dell'aria e la superficie della neve vecchia possono far sì che con 10-20 cm di neve recente una situazione sia critica.
    • L'osservazione di cadute spontanee di valanghe durante l'escursione è un importante segnale di allarme che non va sottovalutata.
    • In situazioni di calore, occorre controllare lo spessore dello strato superficiale di neve umida. Quanto più umida è la neve, più probabili sono le
      valanghe di fusione. Infilando il bastone potremo misurare lo spessore della neve umida con bassa coesione
      .


    Occorre osservare le caratteristiche del terreno:
    • La pendenza : La maggior parte delle valanghe si producono tra i 30 e 45 gradi i inclinazione, per cui occorre conoscere il valore approssimato
      della pendenza in cui ci troviamo.
    • L'orientamento del versante : attenzione ai versanti situati sottovento perché sono le zone in cui troveremo i lastroni da vento. In caso di
      calore occorrerà evitare i versanti sud, dove si produrranno con maggior probabilità le valanghe di fusione.
    • Il rilievo : Attenzione alle pale regolari e alle zone convesse. Un terreno ondulato evita la formazione di grandi valanghe.
    • La vegetazione : Mentre un bosco fitto è una zona sicura, in un bosco spoglio si possono produrre valanghe.


    L'osservazione del tempo: il tempo atmosferico può modificare rapidamente la situazione.

    Durante il percorso:
    • Circolare sempre in zone sicure:

      • Dorsali e cornici, al fine di evitare valanghe provenienti da zone superiori.
      • Zone ventose (situate a sopravvento), dal momento che vi sarà sempre meno neve.
      • Zone di rilievo ondulato rispetto a zone di grande pendenza.
      • Il bosco costituisce un ancoraggio per il manto. È dunque preferibile un bosco fitto a un bosco chiaro.
    • Evitare le zone potenzialmente pericolose:
      • Pendenze più verticali dei versanti e zone convesse , in cui la tensione all'interno del manto nevoso è maggiore .
      • Versanti di sottovento , spesso indicate per la presenza di cornici (possibili lastroni da vento).


    In caso di segnali di allarme:
    • Rispettare una distanza di sicurezza (almeno 10 m in salita).
    • Se si sale o si scende, farlo lungo la linea di massima pendenza.
    • Nella discesa evitare cadute.
    Prima di attraversare un versante sospettoso cercare un percorso alternativo. Nel caso fosse impossibile, occorre attraversarlo lungo l'area più alta possibile, una persona alla volta, mentre il gruppo attende nel luogo più sicuro. Coprirsi il naso e la bocca con un fazzoletto.



    MISURE DI INTERVENTO DURANTE UN VALANGA

    • Mantenere la calma e cercare di fuggire per il laterale più prossimo in direzione diagonale e discendente.
    • Chiudere la bocca affinché non si riempia di neve.
    • Aggrapparsi a qualsiasi roccia o albero per non farsi trascinare.
    • Togliere sci o racchette per evitare di restare bloccati.
    • Se non si trova nulla a cui aggrapparsi, lottare per restare a galla nella valanga mediante movimenti natatori contro l'ondata e al tempo stesso proteggere la testa dalle rocce.
    • Se si resta seppelliti, è importantissimo adottare la forma di palla e cercare di uscire prima che la valanga si moderi, prima che si arresti nella
      valle, perché si indurirà in pochi minuti.
    • Per respirare aria, spostare la neve con le braccia e con le ginocchia e cercare di creare una camera respiratoria.
    • Prima di muoversi occorre sapere in che posizione si trova: fare gocciolare la saliva dalle labbra: se va verso il naso ci si trova a testa in giù.
    • Se non si riesce a uscire, non fare sforzi inutili, muoversi il menopossibile, respirare lentamente e attendere i soccorsi.


    Ricerca di una vittima
    • Immediatamente i compagni dovranno cercare la vittima il più velocemente possibile. Si metteranno tutti gli ARVA in funzionamento e,
      mentre un membro del gruppo dirige l'operazione dall'esterno e vigila che non si verifichino altre valanghe, gli altri inizieranno la ricerca a partire dal punto di scomparsa della vittima, osservando contemporaneamente possibili indizi superficiali.
    • Non si può perdere tempo per cercare aiuto finché non si sarà individuata la vittima.
    È molto importante praticare il riscatto con ARVA; se si verifica un incidente non si può improvvisare.

  20. #20
    Pensionato Reputazione:1244 L'avatar di james pritt
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    San Remo, Italy, Italy
    Messaggi
    2,010

    Predefinito

    AIUTACI A MANTENERE IL FORUM:

    Abbiamo creato un MoneyBox di PayPal

    per chi vuole contribuire a mantenere il server del sito :)

    Apri il MoneyBox di SnowboarDipenedente 

     
    l'argomento era iniziato qui'...

    http://www.snowboardipendente.it/sno...-valanghe.html

    chiederei gentilmente ai moderatori se è possibile unire le discussioni.....
    BOARDS:Burton Vapor 163 2009 - Burton Fish 164 2012
    BOOTS:Burton ion 2009BINDING:for Vapor:Burton Cartel EST for Fish:Burton Cartel EST RESORT:limone piemonte,monesi di triora,isola 2000,auron,valberg,argentera

Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Statistiche valanghe/morti
    Da Magro nel forum Freeride e amanti della powder
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 14-01-12, 16:23

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •