Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 27

Discussione: Compagni di splitata

  1. #1
    Active Member Reputazione:10
    Registrato dal
    Mar 2019
    Messaggi
    67

    Predefinito Compagni di splitata

    Ciao a tutti,

    non sono sicuro se postare il messaggio qui. Ho una split board che avrei dovuto provare, con gente preparata, nel finale di stagione scorsa. Causa contrattempi e tempo incerto tutto rimandato al 2020.

    Nel frattempo per non farmi trovare del tutto impreparato, mi sono impegnato a provarla in pista, mettere e togliere le pelli, fare qualche passeggiata e piccoli traversi in totale sicurezza ecc...tutto da solo e...che noia

    Mi chiedevo quindi se c'è qualche compagno di splittata, zona Lombardia (Bobbio, ecc...), con livello uguale o superiore al mio a cui aggregarsi.
    Sembrerà strano, ma non mi interessa per ora la discesa. Invece voglio togliere difetti e fare pratica in contesti semplici e sicuri (quasi una ciaspolata ) , piuttosto che trovarmi impreparato in alta quota e rompere il razzo agli altri. Un esempio ? La prima volta ho montato gli attacchi in "touring mode" invertiti, dopo qualche passo, i cricchetti si sono scontrati ed un attacco si è aperto !

    Ho comunque un livello discreto in discesa in pista, ed una buona preparazione fisica, quindi non vi portereste dietro un rottame :-)
    Ah....inoltre da un paio di anni faccio anche nordic walking.
    Il monaco possiede solo la veste e la ciotola. Lo snowboarder ha in più solo la tavola ed il casco.

  2. #2
    Pelle grinza Reputazione:2079 L'avatar di andrew
    Registrato dal
    Feb 2010
    Sesso
    residenza
    Varese
    Messaggi
    14,089

    Predefinito

    Bellissimo e raro trovare qualcuno che abbia voglia di fare fatica e godersi la montagna!
    Io ormai da qualche anno ho del tutto abbandonato gli impianti e le piste per conquistare la discesa, qualunque essa sia, con le mie gambe (eccezione fatta per qualche uscita estiva dove gli impianti aiutano a portarti in alto in fretta).
    Oltre a me qui sul forum è rimasto solo il Traba.
    Qualcosa si può organizzare, meglio se in terra elvetica.
    "L'estremo è la ricerca dell'infinito, la meta più lontana che un uomo può proporsi di raggiungere"
    "Dov'è il vento quando non soffia?"
    Oggi sento!

  3. #3
    Active Member Reputazione:10
    Registrato dal
    Mar 2019
    Messaggi
    67

    Predefinito

    Ci sto, anzi ci stra-sto !!! Terra elvetica può anche andar bene, dipende dove è, e soprattutto che livello di difficoltà.

    Come attrezzatura ho un po' tutto, sono solo in dubbio su due cose:

    1. scarponi, ho quelli normali da pista, anche se sono abbastanza rigidi.
    2. zaino, un Black Diamond 25L perfetto per gli sci, ma la split ci sta solo divisa e per "traverso". Sulla diagonale per capirsi :-)
    Il monaco possiede solo la veste e la ciotola. Lo snowboarder ha in più solo la tavola ed il casco.

  4. #4
    PRO Member Reputazione:1723 L'avatar di Trabateo
    Registrato dal
    Jul 2011
    Sesso
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,483

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da squonk Visualizza il messaggio
    Ci sto, anzi ci stra-sto !!! Terra elvetica può anche andar bene, dipende dove è, e soprattutto che livello di difficoltà.

    Come attrezzatura ho un po' tutto, sono solo in dubbio su due cose:

    1. scarponi, ho quelli normali da pista, anche se sono abbastanza rigidi.
    2. zaino, un Black Diamond 25L perfetto per gli sci, ma la split ci sta solo divisa e per "traverso". Sulla diagonale per capirsi :-)
    Ciao, scusami ma non ho capito la cosa dello zaino...solitamente la splitboard la porti ai piedi sia in salita che in discesa, tranne ovviamente quando fai l'Andrew di turno e ti arrampichi in vetta...
    Detto ciò, il set sicurezza (artva, pala e sonda) ce l'hai? Hai mai fatto dei test sul campo? Qualche corso mirato o giornata/e con una guida alpina?
    Come scarponi io ho i Burton Photon Boa, sarebbe meglio averli più rigidi, ma non è poi così un dramma.
    Un passo alla volta, un respiro alla volta.
    Tanto se non sopravvivi alla pallottola più vicina alla fronte, non devi preoccuparti di quella dopo...

  5. #5
    Active Member Reputazione:10
    Registrato dal
    Mar 2019
    Messaggi
    67

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio
    ...scusami ma non ho capito la cosa dello zaino...
    Intendo nel caso dovessi fare qualche piccolo tratto a piedi, in quel caso la split va caricata sullo zaino.

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio
    ...il set sicurezza (artva, pala e sonda) ce l'hai? Hai mai fatto dei test sul campo? Qualche corso mirato o giornata/e con una guida alpina?
    La volta scorsa, la prima in assoluto, sarei dovuto andare con un maestro di Snowboard (e sci), che organizza e fa abitualmente percorsi "splittati" per la scuola dove lavora. Arva e affini avrei dovuto noleggiarli li prima di partire. Avrebbe curato tutto lui, scelta del percorso ecc...
    I test sul campo li sto quindi facendo ora, ma sono...come dire...propedeutici a quello che verrà. Non mi sogno nemmeno di affrontare vette e traversi importanti come primo obbiettivo :-)

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio
    Come scarponi io ho i Burton Photon Boa, sarebbe meglio averli più rigidi, ma non è poi così un dramma.
    Si, la domanda nasce dal fatto che la volta scorsa sarei dovuto andare a fine stagione, quindi con buona parte del percorso da fare a piedi.
    Io ho i Salomon, abbastanza rigidi, prima di comprare scarponi adatti volevo un po' impratichirmi.
    Il monaco possiede solo la veste e la ciotola. Lo snowboarder ha in più solo la tavola ed il casco.

  6. #6
    PRO Member Reputazione:1723 L'avatar di Trabateo
    Registrato dal
    Jul 2011
    Sesso
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,483

    Predefinito

    Scusami, evidentemente non sono stato sufficientemente chiaro: per test sul campo intendevo l'utilizzo del set di sicurezza (con qualcuno che ti spiega un bel po' di cose) e non a come usare la splitboard.

    Quindi, mi sembra di capire che non hai mai utilizzato e provato, con qualcuno che ti desse indicazioni, artva/pala/sonda.
    Deduco, correggimi se sbaglio, che non hai mai fatto un'uscita di snowalpinismo o freeride utilizzando le ciaspole e il sopra indicato set, giusto?
    Curiosità: cosa ti ha spinto ad acquistare una splitboard?

    Hai mai pensato di seguire il corso SA1 con il CAI?
    Sinceramente, io non ho avuto un'esperienza positiva ma, a livello didattico, si imparano un sacco di cose, inoltre conosci un bel po' di persone che hanno la tua (nostra) stessa passione e, chissà, potresti portarti queste conoscenze anche fuori dal corso.

    Detto ciò, se hai altro da chiederci, sia io che, sopratutto, Andrew (che ha esperienza da vendere) siamo qui per dipanare qualsiasi dubbio, o almeno ci si prova.
    Un passo alla volta, un respiro alla volta.
    Tanto se non sopravvivi alla pallottola più vicina alla fronte, non devi preoccuparti di quella dopo...

  7. #7
    Pelle grinza Reputazione:2079 L'avatar di andrew
    Registrato dal
    Feb 2010
    Sesso
    residenza
    Varese
    Messaggi
    14,089

    Predefinito

    Il kit di sicurezza è alla base di tutto! E saperlo utilizzare è ancora più importante!
    Per lo zaino.. a meno di non intraprendere itinerari particolari è sufficiente poter fissare le mezze tavole in diagonale
    Per gli scarponi.. inizialmente utilizzavo classici scarponi da pista, ma da quando ho preso scarponi specifici devo ammettere che si nota la differenza, soprattutto in salita e nei tratti a piedi/arrampicata
    "L'estremo è la ricerca dell'infinito, la meta più lontana che un uomo può proporsi di raggiungere"
    "Dov'è il vento quando non soffia?"
    Oggi sento!

  8. #8
    PRO Member Reputazione:4386 L'avatar di Ack
    Registrato dal
    Apr 2012
    Sesso
    residenza
    Ivrea e Courmayeur
    Messaggi
    21,244

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio

    Hai mai pensato di seguire il corso SA1 con il CAI?
    Sinceramente, io non ho avuto un'esperienza positiva

    ... curiosità ... problemi con gli istruttori o con la neve ?

  9. #9
    Active Member Reputazione:10
    Registrato dal
    Mar 2019
    Messaggi
    67

    Predefinito

    No, non ho mai provato. La prima esperienza doveva essere quella della stagione scorsa, pacchetto completo, incluso mini corso su artva e accessori.
    Ma, come dicevo, non voglio ritrovarmi a non sapere cosa fare e rovinare la gita agli altri, ed a me stesso. Per questo mi sto impegnando, con ovvii limiti in una serie di "Dry Run".

    La splitboard l'ho comprata per i seguenti motivi.
    Questo amico/maestro mi ha tempestato, e ancora mi tempesta, di sue foto scattate nel "backcountry" ed alla fine mi sono convinto ad acquistarne una, piuttosto che noleggiarla.
    Mi si è aperto un mondo, ho iniziato a leggere e guardare video, informarmi e cercare tavola, attacchi, vestiario, sia in giro sia in internet, e poi assemblare tutto.
    Rispetto alla discesa in pista, che comunque occupa il 95% del mio tempo speso su tavola, con la splitboard ho l'impressione di ricavarmi uno spazio tutto mio nella montagna. Lontano dalle code della seggiovia, lontano dalle finte baite con musica a palla....e potrei continuare. In sintesi, anche se non disprezzo il lato "commerciale" della neve, pur avendo appena sfiorato l'1% del mondo split sono certo che esiste un lato della montagna più autentico. Ecco, forse autentico è la parola giusta, non mi vengono in mente altri termini con i limiti della mia conoscenza "split".

    Buona idea per il CAI, potrei avere già dei conoscenti che lo frequentano.
    Il monaco possiede solo la veste e la ciotola. Lo snowboarder ha in più solo la tavola ed il casco.

  10. #10
    PRO Member Reputazione:1723 L'avatar di Trabateo
    Registrato dal
    Jul 2011
    Sesso
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,483

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Ack Visualizza il messaggio
    ... curiosità ... problemi con gli istruttori o con la neve ?

    In primis (problemi) con la trasparenza pre iscrizione al corso... riporto quanto indicato dal CAI (due scuole di Milano, una molto famosa, l'altra un po' meno):

    "Il Corso Base SA1 e SBA1 e' aperto a tutti coloro, sciatori e snowboarder, che non hanno mai praticato lo sci alpinismo, oppure hanno già qualche esperienza ma vogliono conoscere meglio la montagna invernale e i suoi pericoli.
    Un buon livello tecnico nell'uso degli sci o della tavola e' prerequisito essenziale per l'ammissione.
    Nel corso di sei uscite pratiche su percorsi medio facili e divertenti troverete nuovi amici, panorami meravigliosi e grandi emozioni.
    Le lezioni teoriche del giovedi' sera vi consentiranno di conoscere i rischi legati all'ambiente invernale e di imparare a fare le scelte corrette per ridurli al minimo.
    Per frequentare il corso con profitto e minimizzando i rischi e' necessario il possesso di una buona tecnica di discesa in pista.
    Il corso si articola in una prova in pista e fuoripista, sei uscite durante il fine settimana (tre in giornata e tre con partenza il sabato e pernottamento in rifugi alpini) e in numerose lezioni teoriche che si terranno tutti i giovedi' sera con inizio alle ore 21:00."

    oppure:

    "Il corso di scialpinismo base SA1 si rivolge a chi affronta per la prima volta lo scialpinismo e a chi vuole approfondire o migliorare le proprie conoscenze. Obiettivo del corso è quello di fornire agli allievi le nozioni basilari indispensabili per affrontare in sicurezza l'ambiente montano invernale."


    Quindi: sono ammesse persone con zero esperienze (anche di freeride o semplici fuori pista) e nessun accenno a che tipo di preparazione fisica dovresti avere o al tipo di prestazione che viene posta come obiettivo (e questo lo scopri solo una volta iscritto e durante/dopo la prima prova sul campo... con tutto ciò che ne consegue).

    Ho visto gente che non sapeva scendere dalle seggiovie e con 0 esperienza in neve fresca essere presa nel corso...

    Queste sono le basi, poi io tendo ad affidarmi all'altro solo dopo essere sicuro della persona (maestro/guida o chicchessia) che mi guida/insegna e sopratutto trovo non normale che strutture del genere abbiano deficit organizzativi.

    Quindi, sommando il tutto, la mia doppia esperienza (la prima molto breve) non è stata positiva.
    Diciamo che, la prima scuola ho trovato fosse apparentemente più strutturata per dare successivamente questa mia intepretazione: una macchina che produce iscritti e quindi tessere CAI (il che crea, almeno sulla carta, prestigio...); mentre la seconda scuola ha una struttura più casereccia (meno iscritti e quindi meno tessere) ma alla fine risulta avere gli stessi deficit della prima (organizzazione, relazioni con gli iscritti e scelte opinabili durante le gite).
    Tutto questo, ovviamente, a mio modo di vedere in quanto si tratta esclusivamente della mia personale esperienza.
    Infatti la mia indicazione è quella di provare a fare quest'esperienza (magari sono stato sfigato io o il mio carattere non è conforme a certe dottrine) o una simile perchè, comunque, ho trovato che a livello didattico fosse interessante.

    Chiudiamo qui questo OT, se necessiti di altri dettagli, mandami pure un mp, grazie.
    Un passo alla volta, un respiro alla volta.
    Tanto se non sopravvivi alla pallottola più vicina alla fronte, non devi preoccuparti di quella dopo...

  11. #11
    PRO Member Reputazione:1723 L'avatar di Trabateo
    Registrato dal
    Jul 2011
    Sesso
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,483

    Predefinito

    @squonk
    Mossa coraggiosa quella di acquistare la splitboard a scatola chiusa anche perchè non è un aggeggino così semplice da manovrare.
    Personalmente ti avrei consigliato di fare qualche gita con le ciaspole prima, almeno per capire se il tipo di fatica vada poi a ricompensare le tue aspettative.
    Quando fai un'uscita del genere, non sai mai che tipo di neve troverai (diciamo che potresti averne un'idea): pur avendone fatte poche, di neve buona ne ho trovata veramente poca.
    Diverso è quando fai freeride, allora lì cerchi di più il powder day, ti muovi con impianti, pelli e/o ciaspoli e/o cammini in forma ridotta, insomma, vai più sul sicuro come qualità della neve.
    Comunque, come ribadito da Andrew, set sicurezza prima di tutto: ma il tuo amico/maestro non ti ha detto nulla in merito?

    Al di là di questo inverno, se poi vorrai far gamba e fiato, quando posso, vado a fare trekking tra primavera/estate/autunno, se ti va di aggregarti, fammi sapere (mi pare di aver capito che vivi a Milano o dintorni) che ci possiamo scambiare i numeri di telefono.
    La Valsassina, o comunque il lecchese, sono il mio parco giochi
    Ultima modifica di Trabateo; 04-01-20 a 17:13
    Un passo alla volta, un respiro alla volta.
    Tanto se non sopravvivi alla pallottola più vicina alla fronte, non devi preoccuparti di quella dopo...

  12. #12
    Active Member Reputazione:10
    Registrato dal
    Mar 2019
    Messaggi
    67

    Predefinito

    Si certo, come prerequisito per la gita avrei dovuto passare la prima giornata ad impratichirmi con il kit, non da solo ovviamente.

    Si, abito a Cinisello, ti mando un messaggio privato con i contatti.

  13. #13
    PRO Member Reputazione:4386 L'avatar di Ack
    Registrato dal
    Apr 2012
    Sesso
    residenza
    Ivrea e Courmayeur
    Messaggi
    21,244

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio

    Ho visto gente che non sapeva scendere dalle seggiovie e con 0 esperienza in neve fresca essere presa nel corso...

    Cavolo ...

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio
    Mossa coraggiosa quella di acquistare la splitboard a scatola chiusa

    Volere è potere

  14. #14
    PRO Member Reputazione:182 L'avatar di elteo79
    Registrato dal
    Sep 2013
    Messaggi
    590

    Predefinito

    Ma come ve la fate l'esperienza in neve fresca?
    A me sembra il classico corto circuito "per andare in fresca ci vuole esperienza e per avere esperienza bisogna andare in fresca"
    Non penso bastino i bordo pista.

  15. #15
    PRO Member Reputazione:1723 L'avatar di Trabateo
    Registrato dal
    Jul 2011
    Sesso
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,483

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da elteo79 Visualizza il messaggio
    Ma come ve la fate l'esperienza in neve fresca?
    A me sembra il classico corto circuito "per andare in fresca ci vuole esperienza e per avere esperienza bisogna andare in fresca"
    Non penso bastino i bordo pista.
    Ho cominciato (letteralmente) con i bordo pista per poi spostarmi un pochino sempre più in "là"
    Tante le volte in cui ho dovuto smadonnare per tirarmene fuori, poi di volta in volta si impara a galleggiare e a far gamba...e magari a scegliere una tavola un po' più adeguata.
    Poi, iniziato a capire i pericoli che si possono correre, ho comprato il kit di sicurezza, fatto uscite guidate (ovviamente non a gratis) per apprendere i primi rudimenti per poi imboccare la strada del backcountry con Warrior ed Andrew e successivamente ho cercato di seguire un corso SA1 con il CAI.
    Questa la mia genesi ancora in via di definizione.
    Ora mi dedico a qualche uscita con le pelli (probabilmente non quante vorrei e dovrei fare), sempre in compagnia di persone affidabili e più esperte del sottoscritto, e a far freeride un po' più lontano dalle piste.
    Ex: Prali in ogni dove, la Vallaccia a Livigno e/o scendere da Punta Indren a Gressoney anche se, quest'ultimo tracciato, è fin troppo inflazionato e secondo me sottovalutato dai "gitanti della domenica".
    Non so se sono riuscito a rispondere adeguatamente al tuo quesito.
    Un passo alla volta, un respiro alla volta.
    Tanto se non sopravvivi alla pallottola più vicina alla fronte, non devi preoccuparti di quella dopo...

  16. #16
    PRO Member Reputazione:4386 L'avatar di Ack
    Registrato dal
    Apr 2012
    Sesso
    residenza
    Ivrea e Courmayeur
    Messaggi
    21,244

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da elteo79 Visualizza il messaggio
    Ma come ve la fate l'esperienza in neve fresca?
    A me sembra il classico corto circuito "per andare in fresca ci vuole esperienza e per avere esperienza bisogna andare in fresca"
    Non penso bastino i bordo pista.

    E' giusto e sacrosanto, ma se segui le notizie di valanghe alla fine ci finiscono sistematicamente sotto guide e praticanti esperti ...

    ... mentre i principianti volano giù per i dirupi perché hanno sbagliato strada ...

  17. #17
    PRO Member Reputazione:182 L'avatar di elteo79
    Registrato dal
    Sep 2013
    Messaggi
    590

    Predefinito

    Intanto a gennaio, non essendoci adesioni per il corso freestyle mi sono iscritto al corso freeride del mio sci club... chissà di imparare qualche itinerario sicuro sul comprensorio di riferimento (Alleghe BL).
    Vediamo cosa salta fuori...

  18. #18
    Active Member Reputazione:17
    Registrato dal
    Feb 2017
    Messaggi
    90

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Trabateo Visualizza il messaggio
    @squonk
    Mossa coraggiosa quella di acquistare la splitboard a scatola chiusa anche perchè non è un aggeggino così semplice da manovrare.
    Personalmente ti avrei consigliato di fare qualche gita con le ciaspole prima, almeno per capire se il tipo di fatica vada poi a ricompensare le tue aspettative.
    Quando fai un'uscita del genere, non sai mai che tipo di neve troverai (diciamo che potresti averne un'idea): pur avendone fatte poche, di neve buona ne ho trovata veramente poca.
    Diverso è quando fai freeride, allora lì cerchi di più il powder day, ti muovi con impianti, pelli e/o ciaspoli e/o cammini in forma ridotta, insomma, vai più sul sicuro come qualità della neve.
    Comunque, come ribadito da Andrew, set sicurezza prima di tutto: ma il tuo amico/maestro non ti ha detto nulla in merito?

    Al di là di questo inverno, se poi vorrai far gamba e fiato, quando posso, vado a fare trekking tra primavera/estate/autunno, se ti va di aggregarti, fammi sapere (mi pare di aver capito che vivi a Milano o dintorni) che ci possiamo scambiare i numeri di telefono.
    La Valsassina, o comunque il lecchese, sono il mio parco giochi
    Ciao non scrivo da un po'.
    Condivido in pieno il post.
    Avevo una mezza idea di prendere il kit di pelli attacchi rampanti e tavola split...
    Oggi faccio backcountry con le ciaspole oltre a fuoripista powder permessi.
    Covid a parte...
    Sarebbe interessante per la prossima stagione valutare un uscita insieme.
    Ho A P S e mi muovo su tracciati che di solito conosco.
    Cima 11 in val di fassa, mezdi, lasties, punta rocca in Marmolada e la zona di Campoluc, Brusson...
    Non sono un'esperto, ma mi piacerebbe implementare la tecnica le uscite e valutare se passare alla split o meno.
    Eventualmente anche in privato.
    Ciao

    Inviato dal mio SM-G390F utilizzando Tapatalk

  19. #19
    Pelle grinza Reputazione:2079 L'avatar di andrew
    Registrato dal
    Feb 2010
    Sesso
    residenza
    Varese
    Messaggi
    14,089

    Predefinito

    Personalmente da quando sono passato da ciaspole a split è cambiato il mondo! Invece alcuni preferiscono continuare con le ciaspole o gli scietti! Punti di vista e modi diversi di affrontare la montagna!
    "L'estremo è la ricerca dell'infinito, la meta più lontana che un uomo può proporsi di raggiungere"
    "Dov'è il vento quando non soffia?"
    Oggi sento!

  20. #20
    Active Member Reputazione:17
    Registrato dal
    Feb 2017
    Messaggi
    90

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da andrew Visualizza il messaggio
    Personalmente da quando sono passato da ciaspole a split è cambiato il mondo! Invece alcuni preferiscono continuare con le ciaspole o gli scietti! Punti di vista e modi diversi di affrontare la montagna!
    Kit voilè con Burton?
    O Karakoram con Jones?
    Da ciaspolatore (con belle paroline quando si accavallano) mi sembra tutto molto complicato...

    Inviato dal mio SM-G390F utilizzando Tapatalk

Discussioni simili

  1. Ciao compagni di tavola
    Da Carl nel forum Presentati al forum SnowboarDipendente
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 04-01-17, 23:33
  2. compagni di allenamento
    Da casskim nel forum Snowboarding is freedom
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 16-01-16, 23:14
  3. Cerco compagni per alpinismo/freeride!
    Da stedagno nel forum Freeride e amanti della powder
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 04-11-13, 19:57
  4. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 15-02-13, 13:14
  5. cerco compagni di viaggio
    Da brinoz nel forum Veneto
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 02-11-12, 12:29

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •